Trattamento di fine rapporto

Com’è noto il TFS è l’indennità che viene erogata, al momento della cessazione dal servizio, nei confronti dei dipendenti del settore pubblico a assunti a tempo indeterminato prima del 1° gennaio 2001 con esclusione sempre del personale cosiddetto “non contrattualizzato” come i magistrati ordinari, amministrativi e contabili; gli avvocati e i procuratori dello Stato; il [...]

Quando accade che un lavoratore dipendente, proveniente da un altra a azienda nella quale era assunto a tempo indeterminato, venga assunto uno degli aspetti da gestire riguarda il trattamento di fine rapporto (TFR). A stabilire le regole in tema di destinazione del TFR alla previdenza complementare alle quali sono chiamati il nuovo, ma anche il [...]

Cosa succede quando un lavoratore dipendente che abbia già aderito a un fondo pensione, conferendovi il proprio TFR, cambia lavoro? La questione è chiarita dalla delibera Covip del 24 aprile 2008 nella quale si legge come in caso di nuova assunzione spetta al datore di lavoro verificare la scelta fatta precedentemente dal lavoratore, acquisendo apposita [...]

Generalmente il trattamento di fine rapporto  viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento” e la possibilità che il dipendente chieda di conferirlo ad una forma di previdenza complementare non è sempre ben vista dal datore di lavoro perché ritenga un costo.Questo modo di pensare generalizzato, molto probabilmente, è dovuto alla mancanza di una corretta [...]

Trattamento di fine rapporto garantito dall’INPS in caso di cessazione del rapporto di lavoro: la liquidazione del TFR maturato dal dipendente è in ogni caso a carico del Fondo di Garanzia INPS anche se non sussiste tecnicamente il fallimento del datore di lavoro ma questi si dimostra insolvente. La novità è stata chiarita, per la [...]

Fino al 30 giugno 2018 i lavoratori dipendenti del settore privato, occupati da almeno 6 mesi, possono chiedere, in qualsiasi momento che l’importo equivalente al TFR sia inserito mensilmente in busta paga, prendendo la denominazione di “quota integrativa della retribuzione” (Quir). Sono esclusi da questa possibilità colf, badanti, lavoratori agricoli, dipendenti da aziende sottoposte a [...]

 Nella speranza di incrementare il consumo delle famiglie, il Governo ha adottato diverse misure, tra le quali la possibilità di chiedere un anticipo del TFR in busta paga. Vediamo come chiederlo.Chi può chiederloSecondo la legge il provvedimento doveva partire il 1° maggio 2015 ma il regolamento attuativo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale solo il [...]